Home Sport Calcio Calcio, Italia – Usa 0-1

Calcio, Italia – Usa 0-1

494
CONDIVIDI

Si apre con una sconfitta il 2012 della Nazionale italiana. Gli azzurri sono stati battuti per 1-0 dagli Usa nell’ultimo test amichevole prima della fase finale degli Europei in Polonia e Ucraina. La squadra del ct Cesare Prandelli incassa il secondo ko di fila dopo l’1-0 subìto in casa dall’Uruguay all’“Olimpico” di Roma lo scorso 15 novembre.

Prandelli opta per un 4-3 – 1-2 con Ogbonna e Barzagli coppia titolare al centro della difesa e Thiago Motta nell’inedito ruolo di trequartista alle spalle della coppia d’attacco Giovinco-Matri. Il primo tempo non regala molte emozioni, sono davvero poche le occasioni per sbloccare il risultato. L’Italia potrebbe passare al 4’ con un tiro ravvicinato di Thiago Motta su cross di Maggio, ma Howard è bravo a respingere di piede. Il gioco attraverso la corsia centrale langue e per sfondare si cercano le fasce, specie quella destra, guidata da Maggio e poi nella ripresa da Abate. La difesa statunitense regge però senza particolari patemi, ben registrata da Klinsmann, e fa cadere molto spesso gli avanti azzurri nella trappola del fuorigioco.

Giovinco si dimostra più in palla di Matri, ma tranne l’occasione al 20’ con un tiro potente disinnescato dal
portiere americano, non riesce a lasciare il segno. Gli americani, attenti più a non prenderle che ad offendere, si fanno vedere solo su calcio da fermo, prima con Dempsey e poi con l’“italiano” del Chievo Bradley. In entrambi i casi Buffon però è bravo a sventare la minaccia coi pugni.

La seconda frazione di gioco conferma in buona parte quanto visto nel primo tempo: scarse trame di gioco e chances da rete a macchia di leopardo. Escono Nocerino e Criscito, dentro Montolivo – con Motta che scala in mediana –  e Chiellini sistemato in mezzo alla difesa, mentre Ogbonna – buona prestazione lasua – spostato sulla sinistra. L’Italia però è ancora fumosa e gli Usa colpiscono alla prima occasione: al 10’ il possente Altidore, dopo aver raccolto in area il suggerimento aereo di Bradley, scarica per l’accorrente Dempsey, che prende la mira e con un destro beffardo gonfia la rete alle spalle di Buffon. Il gol avversario disorienta per qualche minuto la truppa di Prandelli, il ct allora rompe gli indugi e per riacciuffare pari e partita adotta il 4-3-3.

Per questo decide di sostituire Matri e Motta con Pazzini e il debuttante Borini. Il giovane attaccante della
Roma porta un po’di brio in attacco, al 17’ prova la botta ravvicinata dopo un bell’assolo di Pazzini che si porta dietro mezza difesa americana, la palla però si ferma tra le braccia dell’attento Howard. Quindici minuti dopo è il “Pazzo” ad essere anticipato in area di rigore da Goodson poco prima di battere a rete sotto misura dopo il bell’assist di Abate.

La necessità di riaddrizzare il risultato porta l’Italia a pressare di più nella speranza di trovare lo spiraglio giusto per l’1-1. Obiettivo difficile, visto che la nazionale di Klinsmann si arrocca nella propria metà campo con undici giocatori dietro la linea della palla e viene anche aiutata dagli azzurri che sì attaccano, ma più con foga che in maniera ordinata. La soluzione più comoda è allora provare dalla distanza, come fa Montolivo due volte nel recupero. L’esperimento, però, non riesce e il risultato alla fine non cambia più.