Home Sport Calcio Il Napoli catechizza i tifosi diretti a Londra

Il Napoli catechizza i tifosi diretti a Londra

600
CONDIVIDI

Archiviata la roboante vittoria con il Cagliari (6-3), il Napoli ha già messo in moto la macchina organizzativa per l’impegno contro il Chelsea. La partita delle partite, quella che potrebbe valere l’accesso ai quarti di finale di Champions League, traguardo mai raggiunto dal club partenopeo, preoccupa soprattutto sotto l’aspetto dell’ordine pubblico. A fronte dei 2700 biglietti messi a disposizione dal club di Roman Abramovich, infatti, si stima che i tifosi azzurri in viaggio verso Londra saranno quasi 7000, di cui 2000 sprovvisti di biglietto ed altri 2000 in possesso di un tagliando per un altro settore dello stadio.

Cosa faranno i sostenitori partenopei privi di ticket? Cercheranno di acquistarne uno per un settore diverso da quello a loro assegnato, o vagheranno per la City col rischio di creare disordini? Un problema che il Calcio Napoli vuole evitare ad ogni costo, visti anche i precedenti di Liverpool di un anno fa e le ramanzine già più volte ricevute dall’UEFA per il comportamento dei propri supporters. Ed è per questo che il club di De Laurentiis ha diramato un vademecum da seguire per non incorrere in sanzioni durante il match di Champions. Primo e fondamentale punto: chi è in possesso di un biglietto diverso da quello del settore ospiti non potrà assistere al match.

Secondo: è proibito condurre all’interno dello stadio coltelli, fuochi d’artificio, fumogeni, trombe ad aria, razzi, armi, dispositivi laser, bottiglie, lattine, vasi di vetro, aste e qualsiasi oggetto che possa compromettere la sicurezza pubblica.

Terzo: allo stadio è posto il divieto di fumare, di lanciare oggetti in campo, di ostruire le uscite, gli ingressi, le scale ed ogni altra via di fuga. Quarto ed ultimo punto: allo stadio non sono ammessi cori volgari, di discriminazione omofoba o razziale e comportamenti minacciosi.

Chi non rispetterà queste semplici regole di comportamento incorrerà nelle sanzioni previste dalla legge, fino all’arresto. Massima attenzione dunque affinché il match di Champions non procuri strascichi giudiziari.