Home Costume e società Lucia Annunziata: i funerali di Lucio Dalla, esempio di ipocrisia su gay

Lucia Annunziata: i funerali di Lucio Dalla, esempio di ipocrisia su gay

... basta che non dici di essere gay. Così la giornalista nella sua trasmissione "In mezz'ora"

786
CONDIVIDI

Tra lacrime ed applausi, in migliaia a Bologna, per dire addio a Lucio Dalla, stroncato da un infarto lo scorso giovedì mentre si trovava in Svizzera per alcuni concerti. Un artista leggero, ironico, amatissimo e in uno stato di profondo colloquio con Dio. Questa l’immagine emersa dall’omelia pronunciata nella basilica di San Petronio da padre Bernardo Boschi durante i funerali. Dopo la chiusura della camera ardente allestita a Palazzo d’Accursio, poco prima delle 14.30, sul suono delle campane a morto dell’Arengo e fra gli applausi di piazza Maggiore gremita la bara portata a spalla ha percorso la brevissima distanza fino al sagrato di San Petronio. Sul feretro una rosa rossa e il cornetto portafortuna regalato dall’amico napoletano.

Una cerimonia che ha suscitato le critiche della giornalista Lucia Annunziata che durante la sua trasmissione “In mezz’ora” ha così commentato: ”I funerali di Lucio Dalla sono uno degli esempi più forti di quello che significa essere gay in Italia: vai in chiesa, ti concedono i funerali e ti seppelliscono con rito cattolico, basta che non dici di essere gay”. Ospiti della puntata alcune associazioni gay invitate dopo le polemiche suscitate da una sua frase sulla presenza di Celentano a Sanremo. ”Lo avrei difeso – aveva detto la Annunziata ospite di ‘Servizio Pubblico’ – anche se avesse detto che i gay devono andare al campo di sterminio”.

1 COMMENTO

  1. Brava Annunziata. Tutta la Curia Bolognese presente ai funerali. Ron a ritirare la bara. L’amico a leggere la poesia. Quanta ipocrisia! Tutti sanno, ma solo in segreto. Se pubblico, sei fottuto! Che schifo. Brava Annunziata a denunciare la cosa!!

Comments are closed.