Home Varie Teatro Belli Ciao nei teatri di cintura

Belli Ciao nei teatri di cintura

565
CONDIVIDI

Se qualcuno dovesse domandarsi come fa un attore ancora al principio della sua celebrità come Massimiliano Bruno (sebbene sono anni che calca i palcoscenici) ad attirare così tanto pubblico al punto da registrare il tutto esaurito a ogni sua iniziativa, io credo che la risposta non sia solo la garanzia di andare a vedere uno spettacolo che assicura una risata di qualità, ma anche la spontaneità e informalità che vi si trova.
Se però a questo si aggiunge Valerio Aprea, altro grande attore e amico storico di Massimiliano e Giorgio Tirabassi (per le repliche a Torbella Monaca) e Rocco Papaleo (per le repliche al Quarticciolo) che di certo non hanno bisogno di presentazioni, allora non è difficile aspettarsi un grande successo.

Mentre Tirabassi e Papaleo si esibiscono in qualità di musicisti gli altri due attori rappresentano monologhi o letture di testi dello stesso Massimiliano Bruno, di Francesco Piccolo e Mattia Torre.
Quello che colpisce è che pur essendo la qualità e il livello molto alti, si ha come l’impressione di prendere parte a una festa tra amici nella quale, a un certo punto, c’è sempre quello goliardico che intrattiene gli altri con un aneddoti divertenti (anche perché i monologhi di Bruno altro non sono che storie probabilmente vere raccontate con vivace accento comico).

Altro plauso al gruppo va per il loro sempre vivo impegno sociale; il loro spettacolo infatti è un congedo all’attuale gestione dei teatri di cintura da parte del circolo Teatri di Roma e contemporaneamente un augurio che per i prossimi cinque anni ci sia una gestione se non migliore quantomeno altrettanto buona.