Home Varie Teatro Teatro, Carlo Giuffrè porta in scena Questi Fantasmi di Eduardo De Filippo

Teatro, Carlo Giuffrè porta in scena Questi Fantasmi di Eduardo De Filippo

311
CONDIVIDI

Carlo Giuffrè, grande artista impegnato nell’impresa di riproporre il repertorio della nobile tradizione teatrale napoletana, porta in scena fino al 29 aprile, al Teatro Duse di Bologna, “Questi Fantasmi”, nota commedia di Eduardo De Filippo. L’opera è il capolavoro del 1945 di Eduardo che ha ottenuto negli anni un eccezionale successo di pubblico in ogni sua versione e fu la prima commedia ad essere rappresentata all’estero, a Parigi nel 1955 al Teatro Sarah Bernhardt.

La commedia rivisitata è magistralmente interpretata da Giuffrè che indossa i panni del protagonista Pasquale Lojacono, “anima in pena” che dopo mille mestieri accetta, per sbarcare il lunario, di occupare un palazzo notoriamente abitato da fantasmi, allo scopo di dimostrarne l’abitabilità.

Dopo aver parlato con il portiere, che approfittando della presunta presenza di fantasmi ruba indisturbato, Pasquale si imbatte in Alfredo, amante della moglie, e, suggestionato dalla situazione, lo scambia per un fantasma. Pasquale si ferma più volte a conversare con il suo dirimpettaio, il professor Santanna, silenzioso testimone di ciò che accade in casa. Alfredo provvede al mantenimento della coppia con continui regali e Pasquale vive felicemente senza porsi troppe domande.

Non sopportando più la situazione d’indifferenza dimostrata dal marito, Maria decide di fuggire con Alfredo. Ma i familiari di Alfredo scoprono il tradimento e corrono da Pasquale per rivelargli l’adulterio: Pasquale, suggestionato, è indeciso se crederli fantasmi o persone vive. Ma…«I fantasmi non esistono… li creiamo noi, siamo noi i fantasmi!» dice Eduardo.

Carlo Giuffrè, che ha interpretato la maggior parte delle commedie napoletane del grande Eduardo,  grazie alle quali manifesta le sue doti di attore dalla vocazione comica e grottesca, ha esordito nel mondo dello spettacolo con suo fratello Aldo con il quale ha condiviso un sodalizio artistico nato nel 1947 e terminato con la morte di quest’ultimo.