Home News Equitalia, i lavoratori meritano rispetto

Equitalia, i lavoratori meritano rispetto

689
CONDIVIDI

I lavoratori di Equitalia meritano rispetto e protezione: la politica e i partiti non fuggano da loro responsabilità.
E’ quanto si legge nel comunicato stampa del segretario generale Uilca Massimo Masi. “Le lavoratrici e i lavoratori di Equitalia – sottolinea il sindacalista – da mesi vivono in una situazione di tensione e pericolo inaccettabile e da condannare senza distinguo di alcun genere. Già a gennaio, dopo gli attentati e le minacce rivolte a uffici e dirigenti della società, esprimemmo pieno sostegno e totale solidarietà a queste donne e questi uomini, che tutti i giorni operano con impegno e professionalità, per svolgere il compito fondamentale per lo Stato di riscossione di tasse e imposte”.
“Oggi – prosegue Masi – la situazione è peggiorata. Le azioni violente contro uffici e sedi di Equitalia sono diventati quotidiane e organizzate. Contro tutto ciò si deve alzare una barriera di condanna e sdegno della politica e dell’opinione pubblica, che non registriamo con la fermezza che sarebbe necessaria”.
La Uilca, sindacato maggioritario nel settore esattoriale, nel dare “piena solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Equitalia”, chiede per loro rispetto e che il Governo intervenga a loro protezione in modo deciso, dando seguito a quanto annunciato dalla ministra dell’Interno Anna Maria Cancellieri.
Il Segretario Generale Uilca tiene a ricordare che “in questo scenario i partiti che hanno deciso leggi e regolamenti che Equitalia applica si defilano in modo disonorevole e irresponsabile e loro esponenti sono spesso protagonisti nell’alimentare una campagna, che delegittima l’azione di riscossione ed espone i lavoratori del settore alla rabbia di frange violente ed estremiste”.
Se gli strumenti legislativi e regolamentari attribuiti a Equitalia dal sistema politico sono iniqui, Masi suggerisce di aprire “un serio e concreto dibattito su come modificarli, per andare incontro in modo concreto ai cittadini, le famiglie e le imprese che si trovano in difficoltà e non possono fare fronte ai loro impegni”.
“Certo
– conclude – non potrebbe essere tollerato un intervento di modifica dei sistemi di Equitalia che sia solo pretesto per attenuare la lotta contro l’evasione fiscale, che deve essere una assoluta priorità del Paese, allo scopo si instaurare un sistema fiscale più equo nel recupero delle risorse e nella loro distribuzione”.

 

 

 

CONDIVIDI