Home Costume e società Minori, in arrivo il passaporto individuale

Minori, in arrivo il passaporto individuale

714
CONDIVIDI

In arrivo nuove regole per i passaporti dei minori. Dal prossimo 26 giugno i minorenni potranno viaggiare all’estero solo se sprovvisti di un documento individuale. Non sarà più sufficiente, dunque, l’iscrizione sul passaporto del genitore, titolo di viaggio che rimane comunque valido per lo stesso genitore titolare fino alla sua naturale scadenza. “Per richiedere il passaporto per il figlio minore, come riportato su www.poliziadistato.it, è necessario l’assenso di entrambi i genitori (coniugati, conviventi, separati, divorziati o genitori naturali). Questi devono firmare l’assenso presso l’ufficio in cui si presenta la documentazione. In mancanza dell’assenso si deve essere in possesso del nulla osta del giudice tutelare”. “Ogni volta che un minore di 14 anni viaggia all’estero non accompagnato da uno dei genitori o da chi ne fa le veci – precisa la Polizia – necessita di una dichiarazione di accompagno in cui deve essere riportato il nome della persona o dell’ente cui il minore viene affidato, sottoscritta da chi esercita sul minore la potestà e vistata dagli organi competenti al rilascio del passaporto”.

“Se il minore di anni 14 viaggia con i genitori (anche uno soltanto) non è necessario che al passaporto del minore sia allegata la dichiarazione di accompagno in quanto i dati anagrafici (anche in inglese e francese) dei genitori viventi sono indicati sul nuovo libretto del passaporto. Per ragioni di natura giuridica, religiosa, sociale o altro a richiesta di un genitore o su disposizione dell’Autorità Giudiziaria i dati anagrafici potranno essere omessi o depennati”.

“Per il minore di età compresa da 0 a 3 anni la validità è triennale, mentre per quelli dai 3 anni fino ai 18 sarà di cinque anni.

I cambiamenti non riguardano solo i minori, ma anche i connazionali che risiedono all’estero che vedranno tempi di attesa notevolmente ridotti per il rilascio del passaporto grazie a un nuovo sistema informatico. Da oggi, come riportato su www.interno.it, per i connazionali residenti all’estero i tempi di attesa sono notevolmente ridotti per il rilascio del passaporto.
È, infatti, entrato in funzione presso le ambasciate ed i consolati italiani nel mondo l’innovativo sistema informatico, realizzato dal ministero degli Affari esteri in collaborazione con il ministero dell’Interno e l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato, che velocizza le necessarie verifiche di sicurezza per l’accertamento di eventuali cause ostative al rilascio del documento.

Il programma, che consente ora di informatizzare i controlli, effettuati in tempo reale attraverso le banche dati della Polizia, ridurrà al minimo i tempi di attesa che potrebbero passare, nella quasi totalità dei casi, dai 15-30 giorni attuali a pochi minuti.