Home Università Ricerca Università degli Studi di Padova, più spazio tra le lettere migliora la...

Università degli Studi di Padova, più spazio tra le lettere migliora la dislessia nei bambini

413
CONDIVIDI

Aumentare la spaziatura tra le lettere di una parola e tra le parole in un testo migliora la velocità e l’accuratezza della lettura nei bambini dislessici, in modo immediato e senza alcun trattamento specifico. La velocità di lettura aumenta in media del 20%, un incremento che normalmente si osserva nel corso di un anno di scuola, e gli errori sono dimezzati.
E’ questa la scoperta di una ricerca italo-francese, pubblicata sulla prestigiosa rivista «Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS)», coordinata dall’Università di Padova (Prof. Marco Zorzi e Dr. Andrea Facoetti) e svolta in collaborazione con l’IRCCS “Burlo Garofalo” di Trieste ed il CNRS/ Università di Aix-Marsiglia.

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che si manifesta come difficoltà di lettura in bambini che hanno un’intelligenza normale ed adeguata scolarizzazione. La dislessia colpisce circa un bambino per classe ed in media il 5% della popolazione. I ricercatori hanno testato gli effetti della spaziatura tra le lettere sulla lettura in 54 bambini dislessici italiani e 40 bambini dislessici francesi, di età compresa tra gli 8 ei 14 anni. Si è visto che aumentando la spaziatura i bambini dislessici migliorano sia la velocità che l’accuratezza di lettura. Leggono in media il 20% più velocemente, un incremento che normalmente richiede un intero anno di scuola, e fanno la metà degli errori. Questo miglioramento nella lettura è spiegabile dal fatto che i bambini dislessici sono particolarmente sensibili all’ “affollamento visivo”, un fenomeno percettivo che disturba il riconoscimento di una lettera quando essa è circondata da altre lettere. I risultati di questo studio dimostrano che questo fenomeno può essere ridotto dal semplice aumento di spaziatura delle lettere e concordano con la presenza di deficit nelle abilità visuo-attentive nella dislessia, dimostrati dagli stessi ricercatori padovani in precedenti studi.

Questa scoperta apre una nuova strada per aiutare bambini e adulti con dislessia. E’ noto infatti che per migliorare la lettura è necessario leggere molto. Per un bambino dislessico che non riesce a decodificare correttamente le parole e legge in modo lento e laborioso, la lettura diventa invece una “punizione” che non lo incoraggia a farlo regolarmente. I ricercatori hanno trovato un sistema semplice ed efficace che consente ai bambini dislessici di rompere questo circolo vizioso e poter quindi leggere immediatamente più parole in modo corretto ed in meno tempo.

In parallelo a questi risultati, il team italo-francese ha sviluppato un’applicazione iPad / iPhone dal titolo “DYS”. Essa consentirà a genitori e figli di modificare la spaziatura delle lettere e testare gli eventuali benefici sulla lettura di questa manipolazione. L’applicazione, disponibile per ora in francese ed inglese (a breve anche in italiano), può essere scaricata gratuitamente dal sito Apple (http://itunes.apple.com/us/app/dys-help-people-with-dyslexia/id529867852?mt=8). L’applicazione consentirà inoltre ai ricercatori di raccogliere dati su larga scala ed in tempo reale che serviranno per verificare se esista una spaziatura ottimale a seconda dell’età della persona e del livello di lettura.

 

Università degli Studi di Padova

 

 

CONDIVIDI