Home Università Convegni e Seminari Università Federico II di Napoli: la canzone Napoletana tra memoria e innovazione

Università Federico II di Napoli: la canzone Napoletana tra memoria e innovazione

873
CONDIVIDI

Università Federico II di Napoli: la canzone Napoletana tra memoria e innovazioneGiovedì 7 e venerdì 8 giugno 2012, presso l’Aula Magna della Facoltà di Sociologia dell’Università Federico II sita in via Monte di Pietà, 1 Napoli, si terrà il convegno dal titolo: “La canzone Napoletana tra memoria e innovazione”.

L’evento è programmato nell’ambito del ciclo 2011/2012 del Gruppo di studio La canzone napoletana: il lavoro sulla memoria e la memoria al lavoro” organizzato dal CNR – Istituto di Studi sule Società del Mediterraneo e dall’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi.

Il convegno è organizzato con il patrocinio di Polo di Scienze Umane e Sociale, la FacoltaÌ di Lettere e Filosofia, la FacoltaÌ di Sociologia dell’UniversitaÌ degli Studi di Napoli “Federico II”, l’AIS – Associazione Italiana di Sociologia e The International Association for the Study of Popular Music (IASPM Italiana).

La giornata iniziale del convegno ”La canzone Napoletana tra memoria e innovazione” sarà introdotto e moderato da Anita Pesce.  La due giorni vedrà numerosi ospiti e relazioni. Giovedì 7 giugno, alle ore 10, i saluti di presentazione saranno portati da Stefano Consiglio, vice Presidente del Polo delle Scienze Umane e Sociali dell’Università Federico II, da Gianfranco Pecchinenda, preside di Sociologia e da Enrica Amaturo, direttrice del Dipartimento di Sociologia.

Tra le personalità presenti nella due giorni, tra gli altri, si ricordano il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e Nino D’Angelo, cantautore, attore e regista napoletano.
Il coordinamento scientifico del convegno è strutturato da Anita Pesce, Lello Savonardo e Marialuisa Stazio. il comitato scientifico, è invece composto da Enrica Amaturo, Ddrettore del Dipartimento di Sociologia “Gino Germani”, UniversitaÌ degli Studi di Napoli “Federico II”; Paola Avallone, dirigente di ricerca ISSM-CNR; Stefano Consiglio, presidente del Corso di Laurea Magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale della “Federico II”; Francesco Giannattasio, docente di Etnomusicologia all’UniversitaÌ degli Studi di Roma “La Sapienza”; Mario Morcellini, direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’UniversitaÌ degli Studi di Roma “La Sapienza”; Maria Antonietta Picone, docente di Storia dell’Arte Contemporanea della UniversitaÌ degli Studi di Napoli “Federico II” e Agostino Ziino, presidente dell’IISM – Istituto Italiano per la Storia della Musica.

 

 

Università Federico II di Napoli

CONDIVIDI