Home Sport Altri sport Occhiuzzi, dal Circolo Posillipo alla medaglia d’argento di Londra 2012

Occhiuzzi, dal Circolo Posillipo alla medaglia d’argento di Londra 2012

281
CONDIVIDI

Grande sconcerto ha suscitato nella dirigenza e nell’intero corpo sociale del Sodalizio rossoverde, l’asserzione: “…… fino a 17 anni fiorettista al Posillipo (ora la società è in fallimento)……..”.
L’affermazione, errata e gratuita apparsa sulla Gazzetta dello Sport del 30 luglio nell’articolo di Marisa Poli dal titolo “L’argento che non ti aspetti”, è di estrema gravità e pesantemente lesiva dell’immagine e del prestigio del glorioso Circolo di Mergellina.

Il Circolo Nautico Posillipo, come a tutti noto, è un’associazione dilettantistica sportiva (con ben otto discipline sportive praticate) che investe nelle sport tutte le sue risorse ottenendo tanti prestigiosi risultati che gli hanno consentito, nei suoi 87 anni di vita, di vincere un cospicuo numero di titoli e medaglie in Italia e nel Mondo, compreso quelle conquistate nelle varie edizioni dei Giochi Olimpici ai quali hanno partecipato numerosi gli atleti rossoverdi.
Il Posillipo, grazie all’impegno profuso dalla dirigenza e dai soci tutti, nonché alla professionalità dai suoi pluridecorati maestri ed allenatori, svolge un’azione particolarmente meritoria preparando gli atleti delle varie discipline per proiettarli verso obiettivi importanti; è giocoforza che poi questi giovani, ad un certo punto, lascino il Circolo per arruolarsi nelle forze armate per continuare così a gareggiare assicurandosi nel contempo un futuro che le associazioni sportive dilettantistiche senza scopo di lucro ovviamente non possono garantire.

E, proprio facendo riferimento alla sola scherma, atleti del calibro di Marzocca, Murolo, Curatoli, Di Transo, ecc. ancora oggi si allenano quotidianamente nella nostra sala scherma sotto la guida dei maestri del Posillipo e della Nazionale Leonardo Caserta e Dino Meglio e del preparatore atletico Elio Malena, e lo stesso Occhiuzzi, che lo scorso anno ha deciso di cambiare società per motivi personali, resta legato al nostro Sodalizio continuando a frequentare la nostra sede per allenarsi con i nostri maestri, così come avvenuto fino al mercoledì precedente la partenza per Londra.
A tal proposito si coglie l’occasione per ringraziare i citati maestri Caserta, Meglio ed il preparatore Malena per il brillante lavoro svolto.
Alla luce di tutto ciò, il presidente ing. Bruno Caiazzo ha deciso di convocare il Consiglio Direttivo per stabilire quali azioni intraprendere a tutela dell’immagine e della reputazione del Sodalizio gravemente lese da affermazioni gratuite e superficiali.

Napoli, 31/07/2012

Nino d’Agresti