Home News Cronaca Immigrati assaltano Questura di Napoli

Immigrati assaltano Questura di Napoli

924
CONDIVIDI

Venti agenti di Polizia sono finiti in ospedale, nella tarda mattinata di oggi, a seguito di una rivolta da parte di una trentina di nordafricani che hanno preso d’assalto l’ufficio immigrazione della Questura di Napoli situato in via Galileo Ferraris. A spingere gli extracomunitari a compiere il gesto è stato il rifiuto della Prefettura di fronte alla loro richiesta di rifugiati politici. Fortunatamente nessuno degli agenti coinvolti è grave. Sono riuscite a scampare alle botte la dirigente dell’ufficio immigrazione, la vice e un’altra funzionaria addetto.

Probabilmente si è trattato di un assalto programmato messo in atto allo scopo di essere arrestati e avere quindi la possibilità di non lasciare l’Italia. L’ufficio immigrazione è una sede distaccata dalla Questura centrale, e rappresenta un ufficio come tutti gli altri, quindi privo del tipo di protezione di cui godono invece la stessa Questura e tutti i commissariati.

Per ora la Polizia ha fermato cinque extracomunitari e sta valutando la loro posizione. La loro identificazione comunque non dovrebbe essere complicata in quanto sono conosciuti dalle forze dell’ordine e inoltre sono stati anche ripresi dalle telecamere situate all’esterno degli edifici della zona.

“Totale solidarietà agli agenti aggrediti e auguri di una pronta guarigione”, sono stati espressi dal ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione Andrea Riccardi. ”L’Italia è un paese accogliente, ma dobbiamo lavorare tutti, italiani e stranieri, per favorire l’integrazione che è un processo lungo – ha proseguito Riccardi – Non possono essere tollerate illegalità e violenze e tutti devono rispettare le leggi e le regole del vivere civile”.

1 COMMENTO

  1. Che vergognoso attacco … e pensare che in quell’ufficio gli stranieri erano lì perché l’Italia concede loro aiuto e stabilità economica!!! E invece hanno assaltato un pubblico ufficio come fecero a Troia col cavallo …. Bisognerebbe prendere dei seri provvedimenti contro questi extracomunitari che, al loro paese, con un comportamento del genere rischiano la vita! Qua invece qualche mese di pena sospesa (poi mi darete ragione) e la promessa che, per motivi di giustizia, non potranno essere rimpatriati …

Comments are closed.