Home Sport Calcio Pato, dal Milan al Corinthians

Pato, dal Milan al Corinthians

417
CONDIVIDI

Alexandre Pato saluta la Milano rossonera. E’ un papero commosso quello che ieri ha lasciato Milanello, dopo i saluti ai suoi ex compagni di avventura.
Un saluto che a tanti milanisti (me compreso) ha lasciato un pò di tristezza. Certo, da tanto tempo ormai (quasi) non giocava ma Pato i numeri li ha sempre fatti vedere, anche nelle sempre più sporadiche comparse. Solo per questo l’addio, per tanti tifosi del Milan, è meno doloroso.
I rientri dai (troppi) infortuni muscolari erano sempre meno duraturi ma finchè la forma lo sosteneva ha spesso fatto la differenza.
Di parole se ne stanno facendo tante e da tanto tempo. Sul web, nei bar, sul treno… tanti appassionati di calcio dicono la loro (come è giusto che sia) quindi non aggiungerò la mia.
Anzi mi fa piacere salutare Alexandre condividendo il commento di un collega milanista inserito a margine dell’articolo della Gazzetta dello Sport dal titolo Pato saluta commosso: “5 anni fantastici”. Barbara: “La distanza non ci spaventa”

Arrivederci papero… di Member_36592 (di Siracusa)

13 gennaio 2008: “come d’incanto” ci fai innamorare di te dal primo istante, in un Ka-Pa-Ro esaltante vs Napoli (5-2).
Stagione 2008-09, a soli 20 anni sei il miglior marcatore del Milan in stagione, 2 gol in più di Kakà e Pippo.
2009-10 il Milan vince x la prima e unica volta nella storia a Madrid: 2-3 al Real, grazie a una splendida doppietta del Papero.
2010-11: anno del 18° scudetto. Pato segna 14 gol in campionato, capocannoniere rossonero come Ibra, pur giocando molto meno, pur non tirando i rigori, segnando gol “pesanti”: spicca la doppietta decisiva nel derby-scudetto vs l’Inter di Leonardo, con un Milan senza Ibra (squalificato per reazione).
Dal 2011 in poi, 2 anni di infortuni incredibili, ma quando gioca, segna! E realizza un gol da fenomeno dopo 24 secondi al Camp Nou.
Totale: 150 partite e 63 gol ufficiali in maglia rossonera (di cui molti “spettacolari” e “inventati” da lui), fatti dai 18 ai 23 anni. L’età in cui campioni come Drogba ed Eto’o erano ancora degli sconosciuti. Molti di questi gol, ho avuto la fortuna di vederli dalla Curva Sud di S.Siro, con la sciarpetta “ArraPATO 7″ al collo.
Mi mancherai Papero! Mi mancherà esultare urlando “il bimboooo” e cantare in curva “Oleeeeè Olè Olè Oleeeèè Patoooo Patooooo”.

Buona fortuna e ARRIVEDERCI, non si sa mai… come d’incanto…