Home Varie Ambiente Salvare le api: pesticidi al bando per due anni, ma non basta

Salvare le api: pesticidi al bando per due anni, ma non basta

922
CONDIVIDI
Api, ape su fiore

Api, ape su fioreLa Commissione Europea, il 31 gennaio scorso a Bruxelles, ha presentato agli Stati Membri la proposta di sospendere per due anni l’uso di alcuni pesticidi particolarmente nocivi per le api.
Si tratta di tre neonicotinoidi, per il loro utilizzo sulle colture di mais, colza, girasole e cotone, nella forma di sementi conciate, uso in formulazione granulare e in spray.

«La proposta della Commissione Europea è un primo e positivo passo avanti per affrontare gli effetti nocivi dei pesticidi sulle api, ma non basta. Queste sostanze sono fonte di problemi per gli insetti impollinatori anche quando vengono utilizzati in colture diverse da quelle menzionate dalla proposta della Commissione. Bisogna proseguire le indagini sul campo» dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace.

Secondo l’Unep, Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, l’84% delle principali colture europee dipende dall’impollinazione degli insetti, capitanati dalle api.
Le api sono le principali responsabili dell’impollinazione di centinaia di specie di piante, sia coltivate che selvatiche. La mancata impollinazione, dovuta alla scarsità di api, potrebbe avere conseguenze serie sulla perdita di biodiversità.

«I neonicotinoidi elencati della proposta europea sono già oggetto di specifico bando temporaneo in Italia, ma solo per le sementi conciate. Ora è necessario estendere il divieto anche all’uso in formulazione granulare e in spray» conclude Ferrario.

Il declino delle api è solo uno dei sintomi di un sistema agricolo che, basato sull’uso intensivo di prodotti chimici e al servizio degli interessi di potenti multinazionali, ha fallito l’obiettivo di garantire una produzione abbondante tutelando al tempo stesso l’ambiente.
È necessario quindi un cambio radicale nella direzione di un’agricoltura di stampo sostenibile.

Greenpeace

 

CONDIVIDI