Home Costume e società Miss in panchina a Miss Italia 2013

Miss in panchina a Miss Italia 2013

Jessica Pesa, Maria Roberta Losapio e Giulia Venturi per poco non hanno superato le preselezioni a Miss Italia: rimaste a Jesolo come riserve, pronte alla finale di Miss Italia

891
CONDIVIDI
Jessica Pesa, Maria Roberta Losapio e Giulia Venturi - Miss in panchina a Miss Italia 2013

Tra poco, in onda su La7, l’attesa finale dello storico concorso di bellezza Miss Italia. Oltre alle ragazze in gara, che si contendono il titolo di Miss Italia 2013 e gli onori che ne conseguono, tre miss seguono la preparazione della serata pur sapendo che non potranno concorrere per la corona.
Sono Jessica Pesa, Maria Roberta Losapio e Giulia Venturi, le tre ragazze che per poco non hanno superato le preselezioni e sono rimaste a Jesolo come riserve, pronte a prendere il posto nel caso qualche finalista si ritirasse. Anche se non sono entrate in gara, le tre miss saranno ad ogni modo protagoniste sullo schermo come vallette durante la serata conclusiva.

“È stata comunque una bellissima esperienza da vivere e sono contenta di essere arrivata fino a qui”, ha detto Jessica Pesa, di Roma, che ora tornerà al suo sogno di diventare pilota di rally. Jessica infatti lavora nel club di auto da corsa del padre e da lui ha imparato l’amore per i motori. “Fin da piccola – racconta – sono cresciuta in officina e so anche mettere le mani nel motore. E dopo Miss Italia voglio cimentarmi con il patentino per la cronoscalata”.

Giulia Venturi, di Vigasio (VR), invece, lunedì tornerà ai suoi studi di giurisprudenza, con l’obiettivo di diventare avvocato. “È questa la carriera che mi affascina – spiega Giulia – anche se già lavoro come modella. Ma questo per me è solo un lavoro che mi permette di mantenermi agli studi senza pesare sulla mia famiglia”.

Maria Roberta Losapio, di Bisceglie, studentessa della Facoltà di Fisica a Bari, sogna invece di diventare fisico nucleare. “Vivo e studio in un ambiente che è un’eccellenza italiana e alcuni dei miei professori sono nella squadra che ha vinto il Nobel. Questo per me è motivo di grande orgoglio. È una strada molto difficile e richiede un grande lavoro, ma sono determinata ad andare avanti”.
A Bisceglie Maria Roberta trova anche il tempo di lavorare come speaker per Radio Centro: “Mi piace molto la radio e il lavoro come speaker e come giornalista, ma lo considero un passatempo, il mio obiettivo resta la Fisica”.