Home Arte Effetto Erasmus, al MAXXI la mostra sull’architettura italiana all’estero

Effetto Erasmus, al MAXXI la mostra sull’architettura italiana all’estero

602
CONDIVIDI
Erasmus effect

Erasmus effectDomani, venerdì 6 dicembre, il MAXXI – Museo delle Arti del XXI secolo – inaugura la mostra Effetto Erasmus. Architetti Italiani all’Estero.

La mostra si propone di indagare la progressiva accelerazione che ha avuto negli ultimi decenni il fenomeno dell’architettura italiana migrante, prestando attenzione sia al lavoro degli studi già affermati sul piano internazionale sia ai progetti di giovani studenti italiani all’estero.

Lo scopo è quello di mettere in luce sia la “qualità diffusa” del lavoro degli architetti migranti, sia la fitta rete di collaborazioni e atelier transnazionali nati in seguito alla diffusione della generazione Erasmus, il progetto della Comunità Europea datato 1987 che permette agli studenti universitari europei di svolgere periodi di studi legalmente riconosciuti dall’ateneo di appartenenza presso gli altri Paesi membri della comunità.

La mostra, ospitata nella Galleria 1 del museo romano, sarà aperta fino al 6 aprile del 2014 e guiderà i visitatori attraverso percorsi di migrazione di alcuni tra i più noti progettisti dell’architettura italiana: dal ruolo di Giacomo Quarenghi a San Pietroburgo all’opera di Lina Bo Bardi in Brasile, fino a Pietro Belluschi negli Stati Uniti, Romaldo Giurgola in Australia o allo stesso Renzo Piano.

Un appuntamento a cui soprattutto i patriottici girovaghi non possono mancare.