Home News Cronaca Le armi chimiche siriane transiteranno dal porto di Gioia Tauro

Le armi chimiche siriane transiteranno dal porto di Gioia Tauro

837
CONDIVIDI
Armi chimiche siriane a Gioia Tauro

Armi chimiche siriane a Gioia TauroLe armi chimiche siriane, trasportate a bordo della nave danese Ark Futura, transiteranno nel porto calabrese di Gioia Tauro, secondo quanto riportato dall’Ansa.

Le armi chimiche in questione sono state rimosse dalla Siria come conseguenza degli accordi tra le Nazioni Unite e Damasco e si trovano attualmente stipate in circa 1.500 container caricati sulla nave danese che farà scalo proprio a Gioia Tauro dove avverrà il trasferimento sulla nave statunitense Cape Ray.

L’Italia aveva offerto la sua disponibilità per aiutare il processo di smaltimento delle armi chimiche siriane lo scorso dicembre, una scelta in occasione della quale la ministra degli esteri Emma Bonino ha dichiarato: “Mi auguro che non si faranno polemiche per degli impegni internazionali che il paese si deve assumere, e che le forze politiche si comportino con il necessario decoro”. La Bonino ha comunque assicurato che le armi non toccheranno il suolo italiano, poiché il processo di trasferimento e distruzione delle armi stese avverrà in mare. Ma come?

A bordo della Cape Ray, il cargo civile dell’amministrazione statunitense, sono stati installati due impianti per l’idrolisi, il processo chimico che dovrebbe rendere i gas inerti. Si tratta di impianti complessi, che costano cinque milioni di dollari ciascuno e che finora sono stati usati solo a terra. Quando Cape Ray riceverà il carico di armi nel porto italiano di Gioia Tauro, si sposterà in mare aperto e lì comincerà il suo esperimento senza precedenti.

La nave, che attualmente contiene le armi chimiche, è partita dal porto di Latakia a inizio gennaio dando il via all’operazione di smantellamento dell’arsenale chimico siriano che, secondo quanto hanno dichiarato le Nazioni Uniti, dovrebbe essere portato a termine entro la fine di giugno.