Home News Curiosità Crisi, Coldiretti: single in aumento

Crisi, Coldiretti: single in aumento

614
CONDIVIDI
single-scritta

single-scrittaNonostante la crisi sempre più italiani decidono di vivere da soli. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti riferita al periodo 2001-2011 secondo cui “le famiglie composte da un unico componente sono salite a quasi 7,7 milioni: un aumento record del 41%”.

“In Italia sono passate da 5.427.621 (24,9% del totale) a 7.667.305 (31,2 per cento del totale) le cosiddette famiglie unipersonali per effetto – sottolinea la Coldiretti – dei profondi mutamenti demografici e sociali che si sono verificati. “Le percentuali più elevate di single si registrano in Liguria (40,9%), Valle d’Aosta (39,6%) e Friuli-Venezia Giulia (35,6%), mentre percentuali più basse del valore nazionale si hanno per quasi tutte le regioni del Meridione. Al Sud dunque, la famiglia resta ancora il principale sostegno sociale.

Eppure “vivere da soli è più costoso”: i single in Italia spendono in media per gli acquisti alimentari oltre il 60% in più rispetto alla media dei componenti delle famiglie italiane. Infatti, sono costretti spesso ad acquistare maggiori quantità di cibo per la mancanza di formati adeguati che comunque anche quando sono disponibili risultano molto più cari di quelli tradizionali.

Nell’anno scorso ci sono stati ben 578.583 over 65 anni di età (+14% rispetto al 2012), che sono dovuti ricorrere ad aiuti alimentari facendo la fila davanti alle mense o alle associazioni caritatevoli o chiedendo in aiuto pacchi alimentari. Per chi invece ha disponibilità economiche il problema è spesso quello della solitudine. Non è un caso che l’85 per cento degli italiani continua a fare la spesa alimentare quotidiana sotto casa, frequentemente nei piccoli e spesso antieconomici negozi di quartiere che svolgono un rilevante ruolo sociale nei confronti dei cittadini.