Home News Esplosione a New York. Tre morti e 63 feriti

Esplosione a New York. Tre morti e 63 feriti

991
CONDIVIDI

Ieri, quando in Italia era già pomeriggio, New York si è svegliata con il frastuono provocato da un’esplosione nell’East Harlem.

L’esplosione ha interessato due palazzine i cui edifici avevano un muro in comune. I vigili del fuoco, come sempre protagonisti positivi delle più tristi tragedie americane, hanno scavato per tirare fuori le persone eventualmente rimaste sotto le macerie. Al momento si contano 3 morti e 63 feriti, mentre molti sono i dispersi.

Di questi tempi, di fronte a queste vicende, il primo pensiero spesso va al terrorismo, soprattutto in una città come New York già martoriata da attacchi in grande stile. Secondo le prime ricostruzioni, però, la polizia di New York ha escluso la possibilità che a far crollare i due palazzi nell’East Harlem sia stata una bomba ed è stata esclusa anche l’ipotesi di una qualsiasi azione terroristica.

I due edifici ospitavano in totale 39 appartamenti e due negozi situati ovviamente al piano terra. Sul posto, in seguito all’esplosione, sono prontamente intervenuti gli artificieri per cercare di capire cosa sia accaduto.

Intanto, il sindaco della città di New York, Bill de Blasio, ha rilasciato le sue prime dichiarazioni tranquillizando la popolazione riguardo una possibile pista terroristica ed ha affermato che si sarà trattato sicuramente di una semplice quanto disastrosa fuga di gas.

Le dichiarazioni del sindaco sono state confermate e rafforzate dall’azienda responsabile degli impianti del gas a New York. L’azienda, infatti, ha dichiarato su Twitter di aver ricevuto una chiamata verso le 9.15 (ora locale) per una fuga di gas. L’esplosione è poi avvenuta intorno alle 9.40.