Home Costume e società Nuovo record per la disoccupazione: 42,4% quella govanile

Nuovo record per la disoccupazione: 42,4% quella govanile

498
CONDIVIDI
disoccupazione giovanile

disoccupazione giovanileL’Italia ha un nuovo record, quella della disoccupazione. Gli effetti del peggior anno (2013) dall’inizio della crisi per il mercato del lavoro, infatti, si fanno sentire a pieno ancora nel primo mese del 2014. Lo scorso mese di gennaio il tasso di disoccupazione è balzato al 12,9%, in rialzo di 0,2 punti percentuali su dicembre e di 1,1 su base annua, mentre in Europa il dato resta fermo al 12%.

I disoccupati italiani, secondo i dati provvisori diffusi dall’Istat, sfiorano i 3,3 milioni. Così, il tasso registrato in Italia a gennaio frena la piccola inversione di tendenza di dicembre, dove si scontava più che una ripresa degli occupati l’aumento degli inattivi.

E se si guarda soltanto al tasso di disoccupazione giovanile, il dato mette ancora più paura. Considerando, nella voce “disoccupazione giovanile”, quella fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni, a gennaio ne risulta un dato pari al 42,4%. Anche secondo questo punto di vista, che è sempre provvisorio, si tratta del tasso più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977. I giovani in cerca di un lavoro sono 690mila.

Di fronte a questi dati, il neo presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha lasciato uno dei suoi ormai famosi tweet. “La disoccupazione è al 12,9%. Cifra allucinante, la più alta da 35 anni. Ecco perché il primo provvedimento sarà il JobsAct #lavoltabuona”.