Home News Curiosità Oggi la Chiesa celebra Santa Maria del Carmine

Oggi la Chiesa celebra Santa Maria del Carmine

1055
CONDIVIDI
madonna del carmine

madonna del carmineOggi 16 luglio ricorre una tra le feste più importanti nella tradizione della Chiesa Cattolica: si celebra la Madonna del Carmelo legata alla storia dell’Ordine dei Frati della Beata Vergine Maia del Monte Carmelo. La festa fu istituita per commemorare l’apparizione mariana che è avvenuta il 16 luglio 1251 a san Simon Stock, durante la quale la Madonna consegnò a Stock uno scapolare e gli rivelò notevoli privilegi connessi alla sua devozione.

L’origine del culto a S. Maria del Carmine detta “La Bruna”, in Napoli risale al secolo XIII.

In quell’epoca, nella vasta zona del Campo Moricino, lambita dal mare e fuori la città, esisteva una chiesetta dedicata al grande taumaturgo S. Nicola Vescovo di Mira comunemente conosciuto come S. Nicola di Bari.

Questa chiesetta custodiva in una grotta o cripta una icona raffigurante una Madonna con il Bambino, che una tradizione posteriore affermava esser stata portata dai frati carmelitani quando furono costretti a lasciare il Monte Carmelo in Palestina, alcuni di essi si stabilirono nel ricordato Campo Moricino, forse in un anno imprecisato verso la metà del secolo XIII e certamente prima del 1268.

Tale immagine riscosse ben presto la fervida devozione degli umili abitanti delle zone del Moricino e dell’arena.

La vicinanza poi del mercato favoriva un continuo diffondersi del culto.

Quanto ormai fosse già vasta questa devozione è testimoniato nel 1457 da una bolla di papa Sisto IV, nella quale si specifica che il “popolo napoletano” era solito recarsi numeroso a visitare la chiesa, eretta dai carmelitani alla fine del secolo XIII sul luogo della ricordata chiesetta di S. Nicola, per venerare questa sacra immagine e lucrare l’indulgenza plenaria dall’inizio di agosto fino all’ 8 settembre, giorno dedicato alla natività della Madonna.

A Napoli i festeggiamenti già cominciano una settimana prima del 16 e trovano il loro culmine in uno spettacolo pirotecnico che prevede l’accensione di fuochi che circondano il campanile della Chiesa della Madonna del Carmine alto 75m. La festa ha origini antichissime e rievoca un evento miracoloso: il 17 ottobre 1439 la città era assediata dall’esercito di Re Alfonso V d’Aragona e del fratello Pietro intenzionati a contendere il trono di Napoli al duca Renato d’Angiò. Pietro diede ordine di colpire il convento del Carmine divenuto caposaldo dell’armata Angioina e da una enorme bombarda fu sparata una palla che si proiettò contro il convento verso il luogo dove era custodito un crocifisso ligneo della II metà del secolo XIV; i presenti pensarono che fosse andato distrutto ma con grande meraviglia si accorsero che, oltre a non essere distrutto, il crocifisso aveva anche cambiato posa: prima puntava gli occhi al cielo in atteggiamento di preghiera, ora aveva il capo reclinato con gli occhi chiusi, i denti stretti ed i capelli rovesciati al lato destro del volto; aveva inoltre perso la corona di spine e le gambe ed il collo erano flesse come quelle di un uomo vivo. Da allora è oggetto di grande venerazione e attualmente è collocato sotto l’arco del transetto dentro un grande tabernacolo.