Home News Cronaca La metro C di Roma è partita, ma si è già fermata

La metro C di Roma è partita, ma si è già fermata

Sebbene solo per alcuni minuti, la metro C di Roma, all'inaugurazione, ha già avuto qualche problema tecnico

3126
CONDIVIDI
Percorso metro c Roma

Anni e anni di lavori, di stop e riprese, di inaugurazioni posticipate, ma oggi finalmente ce l’ha fatta: la metro C di Roma ha iniziato le sue corse.

Il primo treno della nuova linea metro che collegherà diverse zone della capitale è partito  ieri mattina alle 5.30 da Centocelle. Qualcuno si trovava sul posto forse per necessità, ma tanti ci si sono recati per il semplice gusto di assistere a quello che in qualche modo è stato un momento storico.
Tutti comunque hanno dovuto presto frenare gli entusiasmi, almeno per un po’.

Il primo treno della metro C, infatti, avrebbe dovuto fare il suo primo viaggio da Centocelle fino a Pantano con tutte le soste intermedie, ovviamente. Quattro stazioni prima di quella prevista per l’arrivo, però, il treno si è fermato non per normale amministrazione – far scendere e salire i passeggeri – bensì per un problema tecnico.
Il treno, quindi, è stato fermato all’altezza di Due Leoni – Fontana Candida (questo il nome della stazione), dove l’Atac ha dichiarato che si è trattato solo di un problema tecnico e non di un’interruzione del servizio.

“Il treno si è fermato solo alcuni minuti per consentire la soluzione di un problema tecnico proprio per evitare limitazioni e completare la corsa. I passeggeri hanno raggiunto il capolinea senza bisogno di cambiare treno”, questa la dichiarazione ufficiale dell’azienda.

Certo, che sia stato un problema tecnico e non una vera e propria interruzione poco importa, soprattutto se si pensa quanto si è aspettato questo momento. Non a caso, infatti, si è scatenata l’ironia sul web e le preoccupazioni a livello ufficiale.
Carlo Rienzi, per esempio, presidente del Codacons ha commentato con queste parole: “la Metro C sembra essere partita col piede sbagliato. Ciò che è accaduto oggi, quando la metro C era sotto gli occhi di tutti e avrebbe dovuto garantire un funzionamento perfetto, è di pessimo auspicio… Una linea nuova di zecca, costata miliardi di euro e attesa per anni, non può permettersi alcun problema tecnico. Vogliamo sperare che il guasto odierno non sia un sintomo di ciò che attenderà gli utenti in futuro, ossia una metro dove gli stop e i problemi tecnici sono quasi quotidiani, al pari di quanto già avviene sulle linee A e B e sulla Roma-Lido”.

Quella che è stata inaugurata stamattina, lo ricordiamo, è solo la prima tratta della nuova linea della metro di Roma. Da Monte Compatri/Pantano a Parco di Centocelle, ovvero 15 stazioni di cui cinque sono di nuova costruzione e dieci sono adeguamenti delle stazioni di superficie del vecchio tracciato finale delle ferrovie Laziali. Un percorso di 12,5 km (4,3 in sotterranea e 8,2 in superficie) che permette un collegamento veloce tra i quartieri Alessandrino, Prenestino-Centocelle, Torre Maura e Torre Angela fino al confine orientale della città di Roma (Grotte Celoni, Borghesiana, Finocchio), con l’ultima stazione di Pantano nel comune di Monte Compatri.
Nel tratto sotterraneo la metro C corre a 30 metri di profondità all’interno di due gallerie a singolo binario.
I treni non hanno conducente a bordo. Sono controllati e guidati dal Sistema di Automazione Integrale ‘driveless’ che consente di gestire la linea in modo completamente automatico. Ogni treno della linea C è composto da sei vagoni climatizzati, con 204 posti a sedere e una capienza massima di 1.200 passeggeri.