Home News Curiosità Il Papa ha lanciato un hashtag per Parigi

Il Papa ha lanciato un hashtag per Parigi

802
CONDIVIDI
Papa Francesco

Papa FrancescoPapa Francesco ha lanciato un hashtag alternativo per raccogliere pensieri, ma soprattutto preghiere per le vittime dell’attentato parigino. #PrayersForParis, così Papa Francesco ha scritto in un suo tweet che richiama la strage di Parigi.

Durante la messa a Santa Marta, il Pontefice aveva già pregato per le vittime coinvolte nell’attentato a Charlie Hebdo. “Preghiamo, in questa Messa – ha detto Papa Francesco nella sua prima messa dell’anno a Santa Marta – per le vittime di questa crudeltà. Tante! E chiediamo anche per i crudeli, perché il Signore cambi il loro cuore”.

“L’attentato di ieri a Parigi ci fa pensare a tanta crudeltà, crudeltà umana; a tanto terrorismo, sia al terrorismo isolato, sia al terrorismo di Stato. Ma la crudeltà della quale è capace l’uomo!” ha aggiunto il Papa, riflettendo e invitando a farlo.

E anche i musulmani sono scioccati e indignati per questa brutta vicenda. “Siamo traumatizzati e presi in ostaggio da balordi che non sono il prodotto della loro comunità” ha detto l’Imam in visita al Papa. Anche lui ha poi richiamato i suoi fedeli, invitando: “i musulmani reagiscano uscendo nelle strade”.

Anche i quattro imam francesi in visita a Roma, dove ieri hanno incontrato papa Francesco – Azzedine Gaci, rettore della Moschea Othman a Villeurbanne, Tareq Oubrou, rettore della Gran Moschea di Bordeaux, Mohammed Moussaoui, presidente onorario del Cfcm e presidente dell’Union des Mosquees de France, Djelloul Seddiki, direttore dell’Istituto Al Ghazali della gran Moschea di Parigi -, hanno condannato l’attentato che ha causato 12 morti e una decina di feriti nella sede del settimanale satirico Charlie Hebdo a Parigi. E hanno rivolto un appello a mobilitarsi contro l’attentato.

“Non c’è nessun elemento religioso in quello che è in prima istanza il risultato dell’ignoranza, dell’essere illetterati, del fascino per l’eroismo e per i videogiochi, della confusione tra il reale ed il virtuale” ha dichiarato Tareq Oubrou.