Home News Isis: bambini torturati, crocifissi e sepolti vivi

Isis: bambini torturati, crocifissi e sepolti vivi

829
CONDIVIDI

L’ondata di stragi da parte dell’Isis non accenna a fermarsi. Vittime degli jihadisti, il gruppo terroristico che minaccia l’iraq e il mondo, sono i bambini rapiti e rivenduti come schiavi del sesso. Ragazzi iracheni di età inferiore ai 18 anni vengono addestrati a combattere e sono sempre più utilizzati dagli jihadisti come kamikaze o scudi umani per proteggere le strutture dei terroristi contro gli attacchi aerei americani. Ma la barbarie degli jihadisti non si ferma qua!

L’Isis uccide, tortura e violenta sistematicamente bambini e famiglie di gruppi minoritari in Iraq: è quanto emerge da un rapporto dell’Onu pubblicato a Ginevra. I bambini, riporta il documento, in molti casi vengono anche “crocifissi”, “decapitati” e “sepolti vivi”. A lanciare un appello urgente affinché le forze di governo irachene si impegnino maggiormente per proteggere i bambini e le loro famiglie è stato il comitato sui diritti dei bambini.

Il rapporto cita “molti casi di esecuzioni di massa di bambini, così come notizie di decapitazioni, crocifissioni di bambini e sepolture di bambini vivi”. Il governo iracheno ha chiesto ripetutamente di avere più armi dall’occidente e un maggiore addestramento delle sue forze.

Da parte sua, l’agenzia dell’Onu ha esortato a fare di più, sottolineando che l’Iraq deve “prendere tutte le necessarie iniziative per assicurare la sicurezza e la protezione dei bambini e delle loro famiglie”.

CONDIVIDI