Home News Sergio Mattarella, il nuovo Presidente della Repubblica italiana

Sergio Mattarella, il nuovo Presidente della Repubblica italiana

1037
CONDIVIDI
Sergio Mattarella

Sergio MattarellaConsacrato da 665 voti e quattro minuti di applausi del Parlamento, Sergio Mattarella è il nuovo Presidente della Repubblica italiana. Per la prima volta, dunque, un siciliano sale sul Colle.

Degli undici predecessori al Quirinale, infatti, tre sono stati campani (Enrico De Nicola capo dello Stato provvisorio, Giovanni Leone e Giorgio Napolitano, unico ad essere stato eletto per due mandati, anche se l’ultimo concluso anticipatamente per le sue dimissioni), tre piemontesi (Luigi Einaudi, Giuseppe Saragat, Oscar Luigi Scalfaro), due toscani (Giovanni Gronchi, Carlo Azeglio Ciampi), due sardi (Antonio Segni ma solo per due anni a causa di gravi motivi di salute, Francesco Cossiga), uno ligure (Sandro Pertini).

Una vittoria per Matteo Renzi. Il premier aveva scommesso che al quarto scrutino sarebbe stato eletto, entro la fine di gennaio, un presidente del Pd, arbitro super partes e garante della Costituzione.
“Il mio pensiero va soprattutto e anzitutto alle difficoltà e alle speranze dei nostri concittadini” e  una visita privatissima alle Fosse Ardeatine. Con queste parole e con una mosa inattesa il neo Presidente ha subito segnato le sue priorità a poche ore dall’elezione al Colle.

La cerimonia di giuramento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

 

E’ in calendario per martedì alle 10 nell’Aula di Montecitorio il giuramento del neo eletto presidente, un momento che rappresenta una vera e propria ‘liturgia’ della Repubblica: dalla campana di Montecitorio che suona ininterrottamente fino al suo arrivo alla Camera e alla sua ascesa verso il Quirinale dove ci sarà il saluto del presidente uscente Giorgio Napolitano e, se vorrà farlo, quello del nuovo inquilino del Colle. A seguire, il rinfresco nel Salone delle feste.

Tra un momento e l’altro, dopo la pronuncia della formula del giuramento che è: “Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione” vengono sparati 21 salve di cannone mentre la campana di Montecitorio torna a suonare.