Home Varie Eventi Mediterraneo e dintorni, conclusa la XII edizione

Mediterraneo e dintorni, conclusa la XII edizione

1114
CONDIVIDI
statua

statuaGrande successo per Mediterraneo e dintorni, la mostra mercato organizzata dal 29 al 31 maggio nell’Orto Botanico di Portici (Na) giunta alla sua XII edizione. Tema di quest’anno il piacere del cibo come fonte di benessere naturale, in accordo con la tematica di EXPO 2015 che patrocina l’evento. Oltre alle tradizionali collezioni di piante, protagonisti dell’evento sono state le eccellenze dell’enogastronomia Campana, Laziale e Piemontese: i vini dell’Irpinia e del Vesuvio, la pasta di Gragnano e ai latticini di Paestum. Le produzioni casearie della provincia di Caserta hanno incontrato l’ortofrutta di qualità del territorio regionale.
Un format allargato quello di quest’anno che ha visto scendere in campo i “Profumi di Napoli”, che ha rinnovato l’appuntamento con la manifestazione, presentando la sua linea di prodotti cosmetici a base di essenze naturali: le nocciole di Giffoni Valle Piana, le albicocche del Vesuvio, e ancora pomodori, mele annurche, noci di Sorrento e latte di bufala. Ingredienti da cui ricavare prodotti naturali per farne un’occasione di benessere e di bellezza.
Presenti alla mostra mercato anche i prodotti “Argital”, cibo ideale per la pelle. Creme, oli, scrub pronti a donare freschezza e vitalità alla nostra pelle attraverso prodotti privi di conservanti, coloranti e profumi di sintesi.
Immancabile l’appuntamento con la signora Anna Maria De Santis e con i suoi prodotti naturali per la cura della persona pronta ad informare i visitatori sulle proprietà benefiche del cristallo di potassio.
La ristorazione è stata affidata ad un celebre pizzaiolo napoletano, Enzo Coccia, cultore della lievitazione lenta e dell’uso di materie prime condite con l’eccellenza dei prodotti Campani, che per l’occasione ha presentato il libro “La pizza napoletana” insieme agli autori.
“Mi sono sempre chiesto come mai la temperatura dell’acqua sia elemento fondamentale per un buon impasto, cosa accade con l’acqua fredda e cosa non accade aggiungendo acqua calda”. Da queste semplici domande di Enzo Coccia, pizzaiolo a Napoli da tre generazioni, nasce il libro “La Pizza Napoletana…più di una Notizia scientifica sul processo di lavorazione artigianale” grazie allo studio della ricerca scientifica di Paolo Masi, Prof. Ordinario di Ingegneria dei Processi Alimentari presso l’Università di Napoli Federico II, e di Annalisa Romano, docente del corso di Processi dell’Industria Alimentare presso il Dipartimento di Agraria e Manager del Centro di Ateneo per l’Innovazione e lo Sviluppo in Campo Alimentare dell’Università Federico II.
Il volume è il primo approfondimento tecnico-scientifico mai realizzato prima sul prodotto pizza e si rivolge a chi oltre all’arte del pizzaiolo vuole conoscere le basi scientifiche su cui fonda. Nel corso della presentazione, tenutasi nella sala cinese del Dipartimento di Agraria Federico II, sono state discusse con metodo scientifico le varie fasi di lavorazione della pizza napoletana e le diverse relazioni esistenti fra struttura e proprietà chimico-fisiche degli ingredienti. Dall’alchimia dell’impasto alla cottura, passando per la delicata fase della lievitazione.
L’appuntamento è per l’anno prossimo con la XIII edizione di Mediterraneo e dintorni.