Home News Down Cafè, il bar turco gestito da ragazzi disabili

Down Cafè, il bar turco gestito da ragazzi disabili

A Istanbul un bar gestito da ragazzi affetti dalla sindrome di Down

1076
CONDIVIDI

A Istanbul c’è un bar davvero particolare. Si chiama Down Cafè ed è gestito solo ed esclusivamente da ragazzi affetti dalla sindrome di Down.
Situato nel bel quartiere di Sisli, il Down Cafè è diventato in pochi mesi uno dei locali più frequentati della città turca, un posto di cui tutti i clienti ne mettono in evidenza la gentilezza e l’efficienza del personale oltre che la qualità dei prodotti e i prezzi molto bassi.

I gestori del Don Cafè sono ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni, che lavorano dalle nove del mattino fino alle cinque del pomeriggio.
In Turchia, la sindrome di Down ha colpito circa 100 mila giovani e l’aumento annuo è di 1.500 persone.
Il bar turco è un caso particolare ma non unico. Anche in Italia, per esempio, esistono iniziative simili come, tra i più famosi, la locanda Girasoli a Roma e il Milleluci Cafè a Firenze, aperto dall’associazione di volontari Trisomia21.
Ci sono, però, sicuramente, situazioni come queste in mille altre città e Paesi. Sono storie belle ed esempi di come si possa lavorare per favorire l’integrazione reale dei ragazzi disabili. Se si riesce in questa impresa, il vero miracolo è in terra.