Home Arte Inaugurata a Napoli una mostra su Falcone e Borsellino

Inaugurata a Napoli una mostra su Falcone e Borsellino

A 25 anni di distanza dalla strage di Capaci Napoli ricorda Falcone e Borsellino con una mostra fotografica itinerante "L'eredità di Falcone e Borsellino"

1289
CONDIVIDI
Falcone e Borsellino
Falcone e Borsellino

A 25 anni di distanza dalla strage di Capaci, l’attentato messo in atto da Cosa Nostra in Sicilia, il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci e che costò la vita al magistrato antimafia Giovanni Falcone, a sua moglie Francesca Morvillo, e a tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, la città di Napoli ricorda la tragedia con una mostra fotografica itinerante “L’eredità di Falcone e Borsellino”, realizzata dall’Ansa e dal Miur e inaugurata ieri nell’istituto Sannino – Petriccione nel quartiere Ponticelli.

A tagliare il nastro sono stati una studentessa del IV anno, Rebecca Lombardi, e Giuseppe Costanza, l’autista di Giovanni Falcone, sopravvissuto alla strage di Capaci. Ricordiamo che con lui si salvarono anche gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo e Gaspare Cervello.

In esposizione ci sono 150 fotografie e 26 pannelli che raccontano la storia dei due magistrati uccisi dalla mafia, dall’adolescenza, al maxi processo, fino alle stragi del ’92. A guidare i visitatori lungo il percorso fotografico sono gli stessi studenti dell’istituto, che i docenti hanno preparato per rispondere anche alle loro domande.