Home Lifestyle Tv Nuove scoperte italiane sul morbo di Parkinson

Nuove scoperte italiane sul morbo di Parkinson

Due ricerche italiane regalano importanti risultati sul fronte morbo di Parkinson: passi avanti nella cura e nella diagnosi del morbo di Parkinson

1930
CONDIVIDI
Fuori TG, programma tv di Rai3
Fuori TG, programma tv di Rai3

Buone notizie sul fronte lotta morbo di Parkinson. Due ricerche italiane, infatti, hanno portato ad importanti risultati scientifici: le due scoperte consentono importanti passi avanti nella cura e nella diagnosi del morbo di Parkinson: il prof. Berardelli, del Policlinico Umberto I di Roma, ha trovato il modo di diagnosticare la malattia con un’analisi della saliva; alle Molinette di Torino, invece, una stimolazione profonda del cervello, attuata tramite una sorta di pacemaker, permette ai pazienti di non avvertire più i tremori.
Ottime notizie per i 230.000 malati italiani, uno dei quali, il chirurgo Giuseppe Giubilei, ha raccontato la sua esperienza in un libro.

Se ne parlerà oggi, lunedì 23 gennaio, a “Fuori Tg”, lo spazio di approfondimento del Tg3 a cura di Mariella Venditti (e in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle 13:40).
Ospiti di oggi il prof. Alfredo Berardelli, ordinario di Neurologia al Policlinico Umberto I, e Antonino Marra, presidente di Parkinson Italia. Conduce in studio Maria Rosaria De Medici.

La malattia di Parkinson anche detta morbo di Parkinson o parkinsonismo idiopatico, parkinsonismo primario, sindrome ipocinetica rigida o paralisi agitante è una malattia neurodegenerativa. La malattia prende il nome dal medico inglese James Parkinson, che per primo, già nel 1817, nel suo trattato An Essay on the Shaking Palsy, descrisse dettagliatamente la malattia.
La maggior parte dei casi si verificano nelle persone anziane, generalmente dopo i 50 anni,e si manifestano con tremori, lentezza nei movimenti e difficoltà nel camminare. Nel suo evolversi la malattia può causare anche ben più gravi problemi cognitivi e comportamentali.

Tra i personaggi famosi che hanno contratto il morbo di Parkinson vanno ricordati: l’attore Michael J. Fox, il pugile Muhammad Ali e papa Giovanni Paolo II.