Home News In evidenza News Spreco alimentare: da problema a risorsa. Il ruolo delle ASL

Spreco alimentare: da problema a risorsa. Il ruolo delle ASL

“Legge Gadda” n. 166/16 contro gli sprechi alimentari e farmaceutici: a Salerno il convegno ECM per parlare della rivalutazione dello “spreco alimentare”

1094
CONDIVIDI
Convegno spreco alimentare
Convegno spreco alimentare

Appuntamento da non perdere: sabato 28 gennaio 2017, a partire dalle ore 9.00, presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno, di scena il convegno ECM “Lo spreco alimentare: da problema a risorsa. Il ruolo delle aziende sanitarie locali”.
L’importante ed interessante iniziativa è promossa dall’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno e dal Banco Alimentare Campania, in collaborazione con l’ASL Salerno, la Società Scientifica Italiana Medicina Veterinaria Preventiva (SIMeVeP), l’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Salerno ed il Banco Farmaceutico Fondazione Onlus.
L’iniziativa volta alla rivalutazione degli “sprechi alimentari” alla luce della “Legge Gadda” n. 166/16, è rivolta a medici, odontoiatri, veterinari, farmacisti, biologi, dietisti ed alle strutture caritative che sono convenzionate con il Banco Alimentare.

Il convegno “Lo spreco alimentare: da problema a risorsa. Il ruolo delle aziende sanitarie locali” è a partecipazione gratuita e mira a porre l’attenzione sulla rivalutazione dello “spreco alimentare” da perdita a risorsa.
«Lo spreco alimentare è un tema, o meglio un’emergenza, alla quale da alcuni anni le maggiori organizzazioni internazionali dedicano particolare attenzione – afferma il Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, nonché Docente presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” – Ed in Italia una tappa importante in tal senso è quella del 14 settembre 2016, quando è diventata realtà la “Legge Gadda” (ndr., Legge 19 agosto 2016 n. 166), che riguarda sia gli sprechi alimentari che altre forme di spreco».

«Da 27 anni la Fondazione Banco Alimentare è impegnata contro lo spreco e contro la fame – dichiara Roberto Tuorto, Direttore del Banco Alimentare Campania – Il cibo sprecato è cibo rubato ai poveri, ci ricorda Papa Francesco. Dobbiamo sentirci tutti impegnati nella lotta alla cultura dello spreco e dello scarto che sta portando la nostra società a scartare non solo il cibo, ma anche le persone. La “Legge Gadda” aiuterà il Banco Alimentare a recuperare tanto cibo che finora è stato sprecato, in particolar modo quei prodotti che hanno superato il TMC, cioè il famoso “preferibilmente entro”, che, grazie a questa legge, d’ora in poi potrà essere donato a chi ha bisogno. È anche una battaglia culturale ed una iniziativa come questa va proprio in questa direzione».

Secondo alcune ricerche, si stima che in Europa (EU 27) si producono circa 89 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari (179 kg pro capite). In Italia da 70 a 96 kg pro capite di cibo commestibile viene buttato ogni anno. Entro il 2020 il totale dei rifiuti alimentari aumenterà fino a circa 126 milioni di tonnellate (ovvero del 40%). Smettere di sprecare vorrebbe dire anche smettere di inquinare, se è vero che per produrre un kg di cibo si immettono nell’atmosfera 4,5 kg di anidride carbonica in media e che in Europa, con 89 milioni di tonnellate sprecate di cibo, si producono 170 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. Solo in Italia gli sprechi agroalimentari dal campo alla tavola emettono circa 4 milioni di tonnellate di CO2.

«Lo spreco alimentare – dichiara il Prof. Paciello – assume sempre più una rilevanza non solo economica, ma anche culturale, sociale, sanitaria ed ambientale, rappresentando, in un mondo dove ogni giorno migliaia di persone muoiono per mancanza di cibo, un problema etico e di sostenibilità del nostro presente e del nostro futuro. Noi crediamo che per far emergere il paradosso positivo dello “spreco alimentare come risorsa” sia necessaria una forte azione veterinaria preventiva, che segua fase per fase il percorso della produzione di cibo: dal campo alla tavola, dalla produzione dei foraggi e dei mangimi per il bestiame, passando per la tutela di un alto livello sanitario degli allevamenti, alle produzioni zootecniche ed alla trasformazione, trasporto, preparazione, commercializzazione e somministrazione di alimenti di origine animale».

Condotto dal Dr. Aldo Primicerio, Direttore di Quotidiano Medicina, il convegno “Lo spreco alimentare: da problema a risorsa. Il ruolo delle aziende sanitarie locali” sarà aperto (ore 9.00) dai saluti istituzionali di: Dr. Vincenzo Napoli, Sindaco di Salerno; Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno; Dr. Antonio Sorice, Presidente della SIMeVeP, nonché Direttore del Distretto Veterinario ASL Bergamo; Dr. Antonio Giordano, Direttore Generale dell’ASL Salerno; Prof. Gaetano Oliva, Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Successivamente (ore 9.30) il Dr. Luigi Morena, Delegato regionale SIMeVeP e Dirigente ASL Salerno, introdurrà il tema dello “Spreco alimentare in Italia”. Toccherà poi (ore 10.00) al Prof. Orlando Paciello discorrere de “Il medico veterinario garante della sicurezza degli alimenti” ed al Dr. Antonio Sorice (ore 10.30) soffermarsi su “Il ruolo della medicina veterinaria pubblica nello spreco alimentare”.

Alle ore 11.00 spazio alla tavola rotonda “Legge Gadda contro gli sprechi alimentari: il ruolo delle istituzioni”, che vedrà la partecipazione di: On. Tommaso Amabile, Presidente VI Commissione Istruzione e Cultura, Ricerca Scientifica, Politiche Sociali della Regione Campania; Avv. Antonio D’Alessio, Consigliere comunale di Salerno; Dr. Luigi Tamburro, Presidente Nazionale Fondazione Banco delle Opere di Carità; Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno; Dr. Ferdinando de Francesco, Presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Salerno; Dr. Antonio Sorice, Presidente della SIMeVeP, nonché Direttore del Distretto Veterinario ASL Bergamo; Dr. Antonio Giordano, Direttore Generale dell’ASL Salerno; Prof. Gaetano Oliva, Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”; Maggiore Vincenzo Ferrara, Comandante NAS Salerno; Avv. Francesco Aversano, Esperto in Diritto Alimentare; Dr. Giuseppe Iovane, Comitato Tecnico per la Nutrizione e la Sanità Animale del Ministero della Salute – Sezione Consultiva per i farmaci; Dr. Mario D’Elia, Delegato Fondazione Banco Farmaceutico Onlus – Sede Territoriale Salerno; On. Tino Iannuzzi, Vice Presidente Commissione Ambiente della Camera dei Deputati; Dr. Roberto Tuorto, Direttore Banco Alimentare Campania.

Concluderà il convegno l’On. Maria Chiara Gadda, che relazionerà sulla “Legge Gaddan. 166/16 contro gli sprechi alimentari e farmaceutici. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web www.ordineveterinarisa.it.

Per info e contatti:
Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, Traversa Regina Costanza 5 – 84121 Salerno
Tel / fax 089 252565 – 089 2597881; ordinevet.sa@pec.fnovi.it – info@ordineveterinarisa.it – www.ordineveterinarisa.it
Banco Alimentare Campania ONLUS, Sede operativa: via Giovanni Paolo II, 33 Fisciano (Sa); Uffici regionali: via Amerigo Vespucci 4 B, Napoli
Tel. 089 8426464, fax 089 8421951; segreteria@campania.bancoalimentare.it -www.bancoalimentarecampania.org