Home Varie Ambiente Allarme caldo per la Grande Barriera Corallina

Allarme caldo per la Grande Barriera Corallina

Greenpeace Australia: l’aumento della temperatura dell'acqua marina è responsabile dello sbiancamento dei coralli della Grande Barriera Corallina australiana

1908
CONDIVIDI
Grande Barriera Corallina australiana
Grande Barriera Corallina australiana

Continua la distruzione della Grande Barriera Corallina australiana: l’aumento delle temperature globali, causato dai cambiamenti climatici generati dalle emissioni globali, sta letteralmente “cuocendo viva” la Grande Barriera Corallina!
L’aumento delle temperatura dell’acqua del mare è responsabile (ed è il secondo anno consecutivo) dello sbiancamento dei coralli della Grande Barriera Corallina australiana. Il fenomeno è testimoniato dalle immagini diffuse da Greenpeace Australia.

Corallo sbiancato Barriera Corallina
Corallo sbiancato Barriera Corallina

«Ho scattato foto di questa area del Reef per diversi anni e quello a cui assistiamo oggi è senza precedenti», afferma Brett Monroe Garner, biologo marino e fotografo naturalista. «In queste foto quasi il 100 per cento dei coralli è soggetto a sbiancamento, e nessuno sa quanti tra questi torneranno alla condizione precedente. Le alghe stanno già iniziando ad invadere molti dei coralli».

Quando le acque sono troppo calde, i coralli espellono le alghe (zooxanthellae) che vivono nei loro tessuti, causandone lo sbiancamento. Se le temperature non tornano alla normalità entro le 6-8 settimane, i coralli muoiono. Gran parte della barriera corallina si trova in prossimità della superficie marina dove l’aumento delle temperature è più alto.

Sbiancamento corallo
Sbiancamento corallo

I coralli possono sopravvivere a un fenomeno di sbiancamento, ma subiscono comunque un notevole stress. Nel 2016, il 93 per cento dei coralli della Grande Barriera Corallina è stato soggetto a sbiancamento, e il 22 per cento è poi morto.

“I cambiamenti climatici stanno rendendo le acque sempre più calde, cuocendo viva la barriera corallina», afferma Alix Foster Vander Elst di Greenpeace Australia. «Questi sono i segni più chiari degli effetti dei cambiamenti climatici e i governi non si muovono abbastanza velocemente per fermarli. Possiamo ancora interrompere la distruzione della barriera se riduciamo drasticamente le emissioni globali», conclude.