Home Varie Ambiente Sicurezza in montagna: consigli utili e raccomandazioni

Sicurezza in montagna: consigli utili e raccomandazioni

Guide Ambientali Escursionistiche: consigli utili e raccomandazioni per andare in montagna in tutta sicurezza. Mai avventurarsi da soli in montagna ...

3184
CONDIVIDI
In montagna in sicurezza con una GAE
In montagna in sicurezza con una GAE

La sicurezza in montagna non è mai troppa: la montagna è tanto bella quanto insidiosa, soprattutto in caso di neve! Sono ben poche le attività che consentono di scaricare la tensione e liberare la propria mente dai pensieri che quotidianamente ci assillano e allo stesso tempo di mantenersi in forma e godere degli scenari meravigliosi che la natura offre. Avventurarsi su sentieri montani in spensierate passeggiate a piedi o mountain bike o in impegnative ascensioni richiede, però, sempre la massima attenzione, conoscenza del territorio e preparazione fisica. Ancora di più per chi si avventura su montagne innevate con sci o ciaspole. La sicurezza in montagna deve essere un must per tutti! Ecco i consigli utili e le raccomandazioni per andare in montagna nella massima sicurezza possibile.

“Mai avventurarsi da soli in montagna, soprattutto con la neve, portare sempre con sé un kit contenente le cose necessarie, dire sempre a qualcuno dove si sta andando e soprattutto seguire i sentieri tracciati. Se si fa un’escursione, è raccomandabile uscire in gruppo e con una guida. Non allontanarsi mai dal gruppo, informarsi sul grado di difficoltà dell’itinerario ed essere consapevoli delle proprie capacità fisiche. Avere con sé un abbigliamento ed equipaggiamento idonei all’itinerario scelto e portare in tasca la cartina dei luoghi che si vorranno attraversare. Non sottovalutare anche il più piccolo sintomo, come stanchezza o altro e comunicarlo subito alla guida. Queste sono solo alcune delle raccomandazioni necessarie per godere in serenità dell’ambiente montano soprattutto in presenza di neve”: così Daniele Ruggieri, istruttore primo soccorso e cure secondarie delle Guide Ambientali Escursionistiche Italiane che opera all’interno del Parco Naturale degli Aurunci nel Lazio.

Chi sono le Guide Ambientali Escursionistiche Italiane? Le Guide Ambientali Escursionistiche Italiane sono le sentinelle del territorio, specializzate in tanti rami importanti che spaziano dalla geologia alla biologia, dall’archeologia all’intero mondo della natura. Le Guide Ambientali Escursionistiche conoscono ogni angolo dell’Italia e, come l’anno scorso, anche nel 2017 consentiranno a 4 milioni di turisti di ammirare l’Italia e gli angoli meravigliosi che custodisce e che pochi conoscono. Ecco perché approfittare dei weekend da loro organizzati che consentono di apprezzare al meglio le bellezze che la montagna custodisce: escursioni e gite fuori porta in tutta sicurezza.
Come riportato sul sito ufficiale Aigae, è Guida Ambientale Escursionistica o Guida Naturalistica chi, per attività professionale, accompagna in sicurezza, a piedi o con altro mezzo di locomozione non a motore (fatto salvo l’uso degli stessi per raggiungere i luoghi di visita), persone singole o gruppi in ambienti naturali, anche innevati, assicurando anche la necessaria assistenza tecnica e svolgendo attività di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale ed educazione alla sostenibilità.
L’attività professionale della Guida Ambientale Escursionistica prevede la descrizione, la spiegazione e l’illustrazione degli aspetti ambientali, naturalistici, antropologici e culturali del territorio con connotazioni scientifico-culturali, conducendo in visita ad ambienti montani, collinari, di pianura e acquatici, anche antropizzati, compresi parchi ed aree protette, nonché ambienti o strutture espositive di carattere naturalistico, ecoambientale, etnologico ed ecologico, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici, il legame con la storia e le tradizioni culturali ed enogastronomiche, le attrattive paesaggistiche, e di fornire elementi di sostenibilità e di educazione ambientale. L’attività professionale della Guida Ambientale Escursionistica prevede inoltre la progettazione, programmazione e svolgimento di laboratori ed iniziative di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale, anche affiancando, in ambito scolastico, il corpo insegnante.
Sono escluse dall’ambito professionale della Guida Ambientale Escursionistica tutte le attività e i percorsi che richiedano comunque l’uso di attrezzature e di tecniche alpinistiche, cioè corda, piccozza e ramponi.

Le Guide Ambientali Escursionistiche sono rappresentate dall’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche, l’unica associazione di categoria riconosciuta dal MISE, Ministero dello Sviluppo Economico.