Home News Economia & Finanza A TGR REGIONEUROPA si parla degli effetti della Brexit

A TGR REGIONEUROPA si parla degli effetti della Brexit

Questione Brexit: quali saranno gli effetti pratici della separazione della Gran Bretagna dall’Unione Europea? La Brexit avrà ripercussioni anche nei territori locali?

1185
CONDIVIDI
Brexit, Gran Bretagna e Unione Europea
Brexit, Gran Bretagna e Unione Europea

Oggi in tv su RAI3 a TGR REGIONEUROPA si approfondirà la questione Brexit. Quali saranno gli effetti pratici della Brexit? La Brexit avrà ripercussioni anche nei territori locali? Conseguenze della Brexit saranno ripercussioni anche sulle attività produttive ed economiche della Gran Bretagna e dell’Europa?

Gli effetti pratici della Brexit, una volta conclusa nel 2019 la separazione della Gran Bretagna dall’Unione Europea, non interesseranno solamente le questioni “macro” fra gli Stati, ma avranno ripercussioni anche nei territori locali.
Salteranno, con ogni probabilità, le migliaia di gemellaggi, i rapporti bilaterali di cooperazione soprattutto nel campo degli scambi fra studenti e dell’istruzione più in generale, e probabilmente vi saranno ripercussioni anche sulle attività produttive ed economiche.
Per questo il Comitato delle Regioni Europee ha chiesto a “Mr. Brexit”, il francese Michel Barnier incaricato dalla Commissione Europea di gestire l’intero dossier, di essere coinvolto nelle scelte che saranno adottate.
A “RegionEuropa” – il settimanale europeo della Tgr curato da Dario Carella, in onda oggi domenica 2 aprile alle 11.30 su Rai3 e in live streaming ai siti www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.blog.rai.it – ne parla il portavoce delle regioni europee Pierluigi Boda, mentre il presidente della Regione Veneto Luca Zaia  e il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia Franco Iacop dicono di augurarsi che L’Europa sappia mantenere una posizione equilibrata nei confronti della Gran Bretagna che abbia al centro soprattutto gli interessi dei cittadini. Sul tema intervengono anche Marcello Missaglia, docente all’Università Europea del Lavoro di Bruxelles, e Gianpaolo Maneghini, direttore dell’Ufficio del Parlamento Europeo in Italia.