Home Lifestyle Tv I luoghi di Santa Caterina da Siena

I luoghi di Santa Caterina da Siena

Stasera in tv su Rai Storia si parla di Santa Caterina da Siena e dei luoghi di culto a lei legati come la basilica di San Domenico o la Pinacoteca Nazionale

1621
CONDIVIDI
Santa Caterina da Siena
Santa Caterina da Siena

Caterina nacque a Siena nel 1347, ventitreesima figlia di un tintore. Fin da piccola aveva deciso di non sposarsi e viveva in una piccola cella che si era ricavata in casa, vestendo la tunica bianca e il mantello nero dei domenicani. Passò la vita dedicandosi attivamente alle opere di carità, curando i malati e i lebbrosi e assistendo i condannati a morte. Secondo la tradizione morì a Roma a 33 anni, nel 1380, sfinita dalle troppe penitenze. Fu canonizzata da un papa di Siena, Pio II, nel 1461.

A Santa Caterina da Siena e ai luoghi di culto a lei legati è dedicato il nuovo appuntamento con “La croce e la spada”, in onda stasera in tv martedì 11 aprile alle 19.00 su Rai Storia.

In primo piano l’imponente basilica di San Domenico, costruzione in stile gotico iniziata nel XIII secolo molto frequentata da Caterina durante la sua vita. All’interno della struttura è conservata la Sacra Testa di Santa Caterina, collocata su uno stupendo altare marmoreo dello scultore Giovanni di Stefano. Sono, inoltre, presenti capolavori pittorici del Sodoma, come “L’estasi di Santa Caterina” e “Santa Caterina cade tramortita dopo ricevute le stimmate“.
Oltre alla basilica, nella città di Siena è presente la Casa Santuario di Santa Caterina. Al di là del porticato c’è una celletta, dove sono custoditi oggetti legati alla Santa: il bastone usato per sorreggersi, la boccetta nella quale metteva gli aromi per alleviare i dolori dei malati e la borsa in seta che contenne la sua testa quando fu staccata dal corpo sepolto a Roma e trasportata a Siena.
Notevole è inoltre l’Oratorio del Crocifisso, costruito nel 1623 sull’orto della famiglia di Caterina per custodire il crocefisso che secondo al tradizione le procurò le stimmate. Sono importanti anche le preziose ceramiche: vasi di porcellana stupendamente decorati, usati per contenere l’olio della lampada votiva, offerti in occasione delle Festa che ogni anno viene celebrata a Siena in onore di Santa Caterina.
Ma tracce della vita della Santa sono presenti in tutta la città. Attraversando la Contrada dell’Oca si arriva a Fontebranda, un’antica fonte medievale dove la giovane Caterina andava ad attingere l’acqua. Nel versante opposto della valle, la ripida e pittoresca Via del Costone porta a pochi passi da Piazza del Duomo. É su questa salita che, secondo la tradizione, Caterina ebbe la prima visione: Cristo, in abiti pontifici, le appare al di sopra della chiesa di San Domenico. Alla fine della salita del Costone si giunge alla scalinata che parte dal Battistero e fiancheggia il Duomo di Siena, dove si trova il luogo cateriniano per eccellenza: il trecentesco Ospedale di Santa Maria della Scala. Oggi è un grande complesso che ospita percorsi museali permanenti e mostre temporanee di livello internazionale. All’interno si trovano diverse cappelle, tra cui l’Oratorio di Santa Caterina della Notte, dove la santa si raccoglieva durante le lunghe notti trascorse al capezzale di malati, infermi e sofferenti. Nel centro storico di Siena si trova infine la Pinacoteca Nazionale, dove sono conservati numerosi dipinti che raffigurano la Santa, realizzati da artisti della scuola senese come Domenico Beccafumi e Andrea Vanni.