Home Varie Voce ai lettori Lo scorrere del tempo

Lo scorrere del tempo

Sembra banale dirlo ma il tempo è prezioso: godiamocelo con intelligenza e non lasciamo che ci scivoli via senza accorgercene

1697
CONDIVIDI
tempo che scorre

La nostra intera vita è scandita dal passare del tempo. Tutto ciò che viviamo diventa inesorabilmente un ricordo. Non ci accorgiamo del tempo che ci sfugge e non siamo in grado di vivere al cento per cento quello che ci resta. Siamo sicuri che il nostro tempo sia eterno, solo dopo ci rendiamo conto che non è così. Secondi, minuti, ore, giorni, settimane, mesi, anni: tutto scorre velocemente.
Ma sappiamo approfittare del tempo che abbiamo a disposizione? Sappiamo affrontare il tempo che ci resta? Spesso no. Non usiamo il tempo che abbiamo a disposizione per migliorarci. Tutto ci passa in fretta e nessuno è in grado di fermare l’avanzare del tempo. Tenersi occupati, distrarsi, è lo stratagemma che usiamo per non pensare all’angoscia che verrebbe se si riflettesse sullo scorrere del nostro tempo. Solo poche persone riflettono su se stesse e sulla propria esistenza. Fa paura pensare e soffermarsi sul concetto del tempo che scorre.
Già Seneca, nell’Epistulae ad Lucilium, consigliava di raccogliere e custodire il tempo. L’autore latino affermava che gli uomini passavano la maggior parte della loro vita ad agire male o a non far nulla per l’intera vita. Nessuno si rendeva conto che il tempo era ed è l’unico bene che neppure il più riconoscente degli uomini può restituire.

Ancora oggi noi non ci rendiamo conto dell’importanza del tempo. Ci illudiamo fingendo di avere una vita piena. Facciamo di tutto per allontanare da noi l’inquietudine che deriva dalla riflessione sullo scorrere del tempo. Sarebbe bello fermare il tempo e godere di ogni momento perché unico ed irripetibile. Pallada nelle Antologie Palatine, descrive la rapidità del tempo e il conseguente avvicinarsi della fine per tutti noi. L’uomo non sembra accorgersi di nulla, non si rende conto che spesso il tempo cancella i momenti cari. Anche Montale, nella sua poesia ‘Non recidere forbice quel volto’, tratta il tema del tempo. Lo paragona ad una forbice che taglia i ricordi come i pezzi di carta. Anche nella poesia ‘Quel che resta (se resta)’, Montale richiama alla memoria la sua vecchia serva analfabeta.
E a noi il tempo ha cancellato i nostri ricordi? Lo farà? Sembra banale dirlo ma il tempo è prezioso, godiamocelo con intelligenza e non lasciamo che ci scivoli via senza accorgercene.

Francesco Saverio Petito

CONDIVIDI