Home News A scuola più sicuri: a Torino nuova segnaletica ad alta visibilità

A scuola più sicuri: a Torino nuova segnaletica ad alta visibilità

Sicurezza Scuole: a Torino segnaletica con pellicole fluoro rifrangenti ad alta visibilità per garantire la sicurezza in prossimità di edifici scolastici

437
CONDIVIDI
Torino, logo Comune di Torino

A Torino, nuova segnaletica con pellicole fluoro rifrangenti ad alta visibilità per garantire la sicurezza in prossimità di edifici scolastici.
Sono in corso di realizzazione in via Fea 7 e in via Ventimiglia gli interventi per rendere facilmente individuabili alcuni attraversamenti pedonali cittadini, contribuendo così ad aumentare l’attenzione degli automobilisti.
“Muoversi in sicurezza è un diritto che i bambini devono poter esercitare sempre e in particolare nel tragitto tra casa e scuola – sottolinea l’assessora alla Mobilità, Maria Lapietra -. Dobbiamo lavorare a una vera e propria condivisione civile e rispettosa della strada tra i diversi utenti – prosegue Lapietra – ricordando la fragilità di chi si sposta a piedi e come il benessere di tutti tragga beneficio da un generale rallentamento dei ritmi quotidiani, oltre che della guida”.

I lavori fanno parte del progetto pilota ‘Sicurezza Scuole‘ stimolato dalla Flg, la fondazione Luigi Guccione Onlus.
Realizzati grazie al contributo di Assosegnaletica, l’associazione italiana della segnaletica stradale federata ad Anima Confindustria, che ha offerto al Comune di Torino fornitura e posa degli impianti, gli interventi proseguiranno nelle prossime settimane in via Castelfidardo 24, in via Servais 133, in via Cumiana 14, in via Scarlatti al civico 9 e al 18, in via Medici e in via Cottolengo.

“Entro il 2050 il mondo rischia di scomparire: per una lotta forte ai cambiamenti climatici, per salvaguardare la vita degli utenti vulnerabili, pensare a una modalità con il minor numero possibile di auto nei centri abitati è un obiettivo irrinunciabile – spiega il presidente di FLG, Giuseppe Guccione -. Candidiamo Torino a ‘costruire’ una Casa delle bambine e bambini in movimento, luogo fisico, di studio, ricerca ed azione, punto di riferimento delle città italiane. Cambiare si può, partendo dal nostro futuro: i bambini, i giovani, le famiglie, la scuola!”