Home News Cronaca Portici, oggi l’ultimo saluto a Giuseppe e Tullio

Portici, oggi l’ultimo saluto a Giuseppe e Tullio

Questo pomeriggio si sono svolti i funerali dei due giovani uccisi a Ercolano

403
CONDIVIDI
Funerali di Giuseppe e Tullio . Piazza San Ciro (1)

Un bagno di folla, questo pomeriggio nella piazza principale della città di Portici (Na), per dare l’ultimo saluto a Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro, i due giovani porticese uccisi in località San Vito a Ercolano nella notte tra giovedì e venerdì della scorsa settimana. Un tragico destino ha accomunato i due amici finiti, per un caso, nei pressi della casa di Vincenzo Palumbo, autotrasportatore 53enne che scambiandoli per ladri ha sparato alcuni colpi ferendoli a morte. In un clima di rabbia e dolore, i funerali di Giuseppe e Tullio si sono svolti oggi alle 15,30 nel Santuario della Natività e San Ciro, dove una grande folla si è radunata attorno ai familiari e agli amici stringendosi in un simbolico abbraccio. Una morte insensata, ingiustificata che ha colpito all’improvviso due famiglie perbene della città della reggia, trascinandole in uno straziante dolore. Ad aprire la cerimonia funebre, celebrata dall’arcivescovo di Napoli, Mimmo Battaglia, è stato il sindaco della città, Vincenzo Cuomo che  con le sue parole ha espresso il dolore di tutta la comunità porticese.

”Oggi è stato un giorno di dolore per la nostra Città, nelle scuole, nei negozi, nelle attività commerciali e produttive, nelle associazioni sportive, nelle strade e nelle piazze ciascuno di Voi ha manifestato spontaneamente il proprio dolore partecipando al lutto cittadino proclamato per oggi.

Carissimi Genitori di Giuseppe e Tullio, carissimi Oreste, Alessandro, Mariarosaria, Imma, carissime Anna e Alessia, carissimo Roberto, questo è il momento del dolore e viviamo con Voi il nostro dolore, il dolore della nostra Comunità e della nostra Città.

A Voi genitori mi rivolgo non da Sindaco ma da Padre e dico che in questa tragedia abbiamo scoperto che quello che è successo a Giuseppe e Tullio sarebbe potuto capitare a ognuno di noi, ad uno dei nostri figli.

Andare a dormire sapendo che i propri figli sono usciti per una serata di divertimento con gli amici, dopo aver visto una partita di calcio in Tv e sapere che non torneranno piu’ a casa perché si sono imbattuti in uno scenario di guerra, non ha una spiegazione, perché quello che è successo a Giuseppe e Tullio non ha niente a che fare con le nostre comunità, è uno scenario di guerra: Giuseppe e Tullio in quella maledetta notte si sono trovati all’interno di uno scenario di guerra.

Continueremo ad essere a fianco delle Vostre famiglie per la ricerca della verità assoluta e soprattutto della giustizia, quella giustizia che vogliamo tutti insieme e che chiederemo non con rabbia ma con quella serenità di chi aspetta dalla giustizia un momento di verità e di punizione per chi compie dei reati tanto crudeli e tanto gravi.

E Vi diciamo, e ci diciamo insieme a voi, che Giuseppe e Tullio continueranno a vivere nella nostra Comunità e quello che è il nostro dolore ed il vostro dolore di oggi, possa essere tramutato in doni di amore, e tutti insieme faremo in modo che tutte le cose belle che vivremo e che vivrete possano sempre tenere in vita Giuseppe e Tullio che sono, orgogliosamente, due figli della nostra Città e della nostra Comunità.

Le condoglianze più affettuose di tutta l’Amministrazione Comunale ma soprattutto un abbraccio forte.

Quando ho potuto chiamare e sentire i genitori di Giuseppe e di Tullio ho potuto dire loro solamente che li avrei abbracciati a nome di tutta la Città….forte….forte… forte…..e con queste stesse parole Vi dico che tutta la nostra Città vi abbraccia forte…..forte… forte”!!

E’ con un grande applauso e un lancio in aria di palloncini bianchi e azzurri che la comunità porticese ha salutato, all’uscita dalla chiesa, le salme di Giuseppe e Tullio, due giovani perbene, due vite spezzate dalla follia umana.

Funerali di Giuseppe e Tullio . Piazza San Ciro (2)